Ci sono momenti in cui è facile sentirsi privi di energia e in uno stato di confusione tale da perdere interesse per i propri progetti.

In questi momenti è facile perdere di vista i propri obiettivi o se siamo in una fase di transizione è facile sentirsi insicuri e indecisi sulla strada da prendere per realizzare i nostri progetti.

Ci sentiamo poco focalizzati su ciò che vorremmo fare ed abbiamo la tendenza a disperdere le nostre energie.

In relazione alle caratteristiche individuali, ci sono persone che vanno maggiormente incontro a queste situazioni di stallo e con una certa ciclicità.

La ragione per cui arriviamo a disperdere la nostra attenzione nel realizzare ciò che vorremmo e che sappiamo essere l’unica strada che può renderci felici e soddisfatti è la perdita di contatto con noi stessi.

Corriamo tutto il giorno, spesso anche in vacanza, e lo facciamo senza ascoltare il nostro corpo e le nostre emozioni, che tentiamo costantemente di mettere a tacere.

L’olio essenziale di Nardo ha una storia molto antica, che risale ai tempi di Mosè e della civiltà egizia. In Egitto era considerato un vero e proprio tesoro, e per questo, veniva utilizzato tra le essenze impiegate nell’imbalsamazione.

Maria Maddalena unse i piedi di Gesù prima che Egli fu crocefisso con l’essenza di Nardostachys jatamansi (nome scientifico del Nardo Indiano).

Questa essenza ci aiuta a ritrovare la nostra strada sempre partendo dal contatto con il nostro corpo.

Il suo profumo floreale e legnoso ci aiuta a connettere il cuore con la Terra, donandoci stabilità e apertura.

Può essere utilizzato anche come antinfiammatorio e come antidolorifico per uso locale, proprio perché in grado di sfiammare e lenire l’eccesso di calore derivante da un processo di dispersione energetica.

A tal proposito, presenta una blanda azione sedativa sul sistema nervoso centrale, soprattutto nelle persone che hanno la tendenza a somatizzare maggiormente su di esso.

Nella mia esperienza di terapeuta ho scoperto e sperimentato questa essenza in tutte le condizioni in cui la persona aveva necessità di riappropriarsi del contatto con se stessa per riscoprire il proprio potere creativo.

 

Lascia un commento

Newsletter

Associazione Culturale "L'equilibrio dei cinque elementi" - Via Alfredo Panzini 19, Fonte Nuova (Roma) - C.F. 97876320587 - Email:info@alessiamacci.it - Credits SEOlistico

shares